domenica 10 dicembre 2017

401

non contengo verità oggettive da esporre solo la congiura dei colori regge il fronte la notte tu enigma di mietitura ti porgi borgo illune strappi il vento dosso di particelle in volo ovunque dalle fronde l'acqua salmastra è biacca germoglia consacrata a melodia fuoriesce pallida sotto le zampe il mondo infruscato nella faretra infilato al dardo vagisce anima letta nel vasto cratere innanzi al leggio smosso da pelle e ossa il rammarico dai gesti drammaturgici sulla vetta il tramonto drink iperboreo 

400

d'accordo questa è la politica io viceversa intendo affermare che ornato di lamelle il vento dinoccola la ruota di numerosi miagolii sui vetri dalle imposte ho percepito il giardino Italiano i cui tratturi sono brividi in fiamme creano in pieno zelo lo zip tra le antiche follie sul drappo il conto eretto esiliato dai jeans arma le cosce in contumacia rovescia i bicchieri dal pelo ricurvo le femmine sul bottone d'alto rilievo tra i denti mostrano rose l'adagio in equilibrio dismesso sferza di continuo l'andirivieni trova lo spago di umanità sulla pagina l'altra produce le nostre anime denim cosi ti ho vista sciarpa al collo vendere in cortile la ribalta d'accordi in santa pace di noi diritto all'inferno

giovedì 30 novembre 2017

399

Spingo l'uovo alla cock sul terrazzo rotola in corsia la donna nel tappeto la seppellisco a volo d'angelo misuro la carta avvolgibile edifico quattro pistoni da un piede all'altro i cilindri dentro cui nascondo il set di conigli a gambe divaricate son cromati sulla sedia trillo elettrico appendo la giacca da colazione tira la tenda lo zombie chitarra fisarmonica woofer grancassa sbiadisce la giornata di vivacità verso le dita di citronella appaiate alle rotaie l'ombra sferica insegna il testamento per la 

saldatura  nella feritoia in cui inserisco il bancomat di spalle al cielo crepa dal termine testimonia la popolarità del tubare sul filo col piccione increspato il puma registra il timone dai pedicelli cresce l'allure barbagiglio e l'egemonia della visione in controluce cava che accende l'incubo la locomotiva a cataratta si tuffa nella cascata pop eppure benedico l'orribile ed egocentrico imbozzolato dall'agonia ambulacrale il tempio turrito conversa corsaro e assorbe i colori sino all'ultimo respiro d'ossidiana 

il cacciavite grida libertà idea dei boccioli delle crune i rivoli delle grucce sulla palla gutturale col microfono stanziale riavvolgono il sartiame esodato spinge in rada il veliero di carta la vostra dipartita straccia la nostra vitalità dinastica è ad ampio raggio stesura dell'esercito per Gratia Divina la band suona il bourbon doppio ghiaccio in riva al mare le lancette dell'ora sfilano in gabardin sul podio l'acquario circonciso appunta con Calliope l'amore di un polpaccio e quattro carte da giogo per

lo sparviero due sensi dalla Cadillac mostra il piumaggio increspato dalle pendici gli occhi accipitrali ruotano a globo l'orfanotrofio piatto tuona ossessivo recita i misteri senza architrave al contrario veste il sermone di corpo mistico la madre in lingua traspare sul binario del tramway madida di sudore dopo l'arrivo i versi rotti scontro tra il turbino e il nodo che lega i contrari in corso d'opera il vorticare mi rende forte mi abbronzo nella mimetica del ruolo sulla piattaforma come organo.        

398

la mole d'occhi cerchiati si restringe sul capoverso la fanciulla dai denti azzurri convoca l'aeroplano in sguardi centellina il blu ghiaccio di foglie al cospetto dello sventolio inerme con le braccia lustra il gorgo panorama di tizzoni a scintille accese il tacco sommerso nutre il promontorio i tacchini in volto tempio nazista la razza con la corona slabbra di vermiglio il frantumarsi iceberg col grembiule sbircia sul molo l'attracco della figlia in modo gentile amorevole nel telaio cruna di buffet in rose d'acciaio

al proletariato in disuso scandisce la coperta della ricchezza vero disastro a questa latitudine genera prole e palestre autoctone con l'amico alliscio l'inox nel silos la gualdrappa copre la cadillac anni 50 sul cofano intrecciato nel tabacco Buddha con l'omphalos illuminato a giorno nella foglia i preliminari senza un arbitro dal maiale l'haiku dance della scrofa al confine con l'oceano che non è il mare per chi vive sulle vette i relitti nuovi sono alla deriva del lignaggio cuba libre d'accento sassone

crocchio a mandorla poi paratia con cui mi allaccio la radice della patata pelata indosso il poncho i gemellli nell'isola screziata il cappello ad ampie tese ripristino il fiume come da accordi lo lego alla buca immensa ripiano sulla cui folgore rassetto i fazzoletti con cui si saluta lo sterminio da cui erutta coriandoli plebiscitari il naso umido solenne di monopolio in casa dell'oca dove i ferrovieri tracciano sull'abito la formaldeide del tepee nella radura sto con il metro da sarto lo spaventapasseri d'un santo

misura la circonferenza lunare per stingere il passo della sfinge da cui ruota l'abisso centinaia di raggi d'asfalto si librano in volo coriacei di frequenze a radio marina l'onda d'urto spaventa le foglie di palma col delfino nello spacco vertiginoso al collo smercia con grazia il tuffo del destinatario col cero in mano si liquefa la freccia si stropiccia le tasche dall'inchiostro firmamento del futuro imbastito in piccoli miagolii nel canyon in nero si conchiude assorbe i giorni piegati a tovagliolo 

397

la palma in vetro zigrinato infila lo spago attraverso il patibolo d'individui li dismette suona la patria potestà la fanghiglia sul passo d'addio rende minor ponte al macabro l'incesto d'impotenza luccica  l'enneagramma si dibatte sull'arenile le ali prospicenti al mondo mutualistico ospiti a palazzo son scia proiettili strisciati nel bancomat rovo di more fuori stagione carezze nei baci svapora al dente il leone sul labbro col soffio sottovuoto il felino irrompe spaccia  brillanti evangelici nell'alacre latino

396

quando si ottunde la cremagliera il legno ruscellante produce odio la quiete sull'ala bascula centellina il vento fiasca tra le note di molluschi si ritrae rabbrividisce il seno plastico col fiore di uva passa in borsa si strofina illune panna sul vestro umetta le cicatrice in tangenziale tra noi la steppa indefinita inganna il tuo viso traghetta l'enclave di slip al cloroformio l'ecrù romanzato sugli albori delle tegole recita il fruscio metallico della Madonna redatta col filo di Scozia illacrimata panorama sul piatto

395





I fiori d'interiora disseminati calce sui tavoli di lacci ai piedi dal teschio dirigono lo scoglio s'intreccia nel lino scacco al pesco del buco nell'acqua la candela nostrana s'infila le calosce sul sentiero a bordo piscina saluta con la mano la agita scheletrica eburnea nei pantaloni il taglio a coltello dal manico
 
di baci a fandango ed è un passo serramanico su cui siedo sedia di cristallo il mappamondo in cucina cade rimbalza nel fuori dalla finestra vista mare in accappatoio la meraviglia orfana Moet e Chandon col barrique al polso detta la cima eretta batte gemellare dai gesuiti sul versante l'approdo lieve liuto

in bianco sottolineato blu dai mattoni con l'antico fluido di sandali rivive beige l'unghia erosa canoa per i villegianti rema fluttua rapide pittate di velluto il seno tra le rocce ritmiche del rifugio spalliere di fiori si reggono sconnessi a curcuma le sponde le ciglia la palpebra bascula si chiude si apre così di

modestia su cui il grappolo d'unto nei capelli riaffiora nero ad acque torbide nel bicchiere  l'aerografo forma la tazza sale sul promontorio il volto all'insù tiene ferma la graspa priva di acini in grembo lo scheletro bianco d'ossa tra i denti l'incavo la  fucina millenaria vuota a perdere cammina tra i panni

stesi arresi all'ennesimo giorno sera notte aurora ciak si gira un altro giorno poi si vedrà esco di prima frescura con le dita di legno reggo nella mano il destino incartapecorito cumuli nembi accesi di paglia corda fil di ferro si ritrae il corpo musicale in lana merinos recita la mattina soleggiata

l'autobus di vetro m'inietto eroina sul da farsi mi rispiego la dottrina di Talete sul muro la scritta pro Gesù " abbi fede " il nichilista controbatte " sto cazzo ! $$ " viaggio in compagnia di donne lussuose ripetitive riff di gonne sgualcite dalle parole illamate da un piacere incapucciato fitto di palestinesi 

deglutisco ragnatele argentate brina sulle foreste del sud fuggo tra i brandelli di aracnidi la spiaggia convoglia lembi al vento la frusta spezza le corse vive di un'ipotesi sulla Tiburtina dopo il cavalcavia il tempo abissale crogiuolo si dibatte il vortice s'innalza stantuffo il gufo sorveglia la radio su cui si

posa da cui esce il suono dei Negresse Vert la penna s'infila a fondo la cassa del morto le cose di peso fuori dal locale le vedo antipatiche senza il buongiorno buona sera nel dna acquisto i super tatuaggi venduti pelle fosse tela di cotone è pelle di coccodrillo zincato dal fresco ologramma spada all'interno

della scala piccola ove si conserva la statua di Diana e Apollo slip pinne occhialini ciabatte infradito smart phone nel cortile grande il rilievo della folla poichè nessuno urlerà nel deserto il tuo nome tornano alla spiaggia della meteora sulla roccia laterale tra la siepe l'hotel la scritta bombola di

spray nella voragine un paio di scarpe dalle labbra tumide l'ugola gigante dal laterizio screpola un suono al quarzo bianco nero acrilico sulle assi ricurve del quadrante ti amo anti smog lo smoking di fattura primitiva imbastita dai fiumi Secchia / Panaro redivivi li leggo dalla stampa incisi di follia

algida sussiegosa di microcosmo lanceolato si strucca l'inverosimile acetone appartiene ai petali dello zenzero sul piatto la portata  s'infiamma cinerea nell'azzurro le nubi transitano valigie si apre il troller col rossetto vermiglio dalle ruote sfodera l'amore tic tac rumoreggia biella di jeans la grazia e 

Dio l'amore la colpa che non favello il sapore hard di baciarti al freddo mi accoglie mi abbandona sui tuoi seni statua incarnata di gloria nel canto scopro che ammalia esclusivamente voce attrae conquista ingarbuglia dismette i miei livori le mie passioni decadono ad abito floscio in terra nudo

rinato sono vecchio appassito nutro la felicità del tempo che non vedrò conquisto il presente che non vedete ve lo porgo impiccato sul piatto d'argento infiocchettata a rima di un porco allo spiedo dalla daga la mela della tentazione un solo torsolo di stallatico foggiato dal miglior artista di città perdute

grattacieli delle periferie che la bellezza in grazia di Dio riduco nel pianto egemone di una maestosità avvenuta la notte incombe a metà via costoro sono indaffarati a vendere non hanno tempo di dare nome ai figli innaffio le ortensie tuttalpiù le foglie di cuoio rinsecchiscono ripiegano nel baule al sole

l'opacità del fine vita ancheggia si agita nel tugurrio il mestolo nel ragù risucchia la flebilità della bidonville modernità dell'albero rabdomante con la forza coabita al piano superiore il scespuglio all'angolo del fiume ha uno spunto spelacchiato di petali porpora sul mento depila l'orlo nei  ciliegi a

calzoni come i gangster dal film da quattro soldi cuce gli occhi nel vissuto la querelle un sempreverde dalle foglie ai bordi del filo simili alla quercia se non ti amo te la prendi per chissà cosa col soliloquio asciugo la dimora del ramificato sicuro di questo l'angelo del proseguio non s'intimorisce al cialtrone

col visone argento smuove il manubrio in controsenso frena col tallone di Achille sul gabbiano pianta l'alverare di cartone pressa le molte parole coatte s'infila in panegirici d'oro abbozza il tramonto lo cancella lo riabbozza infila in tasca l'urora ripristina il koala spruzza di talco le movenze dandy di un

copricapo falso come Giuda borghese tra la gente implume sfarina sul pianoro romba le suole dei propri passi li silenzia nel sillabario sulla sella nitrisce l'offesa al palo arzigogolato nutre la platea numerosa col monocolo raso terra il rotolar sui sassi sul piano zodiacale col germe del suono carica

la batteria affetta la vertigine vestita di ocra sebbene piova sabbia da tutte le curve le dune volano con le piume nient'altro che pula di papavero di prurigine pregano l'idillio della rotativa che sbuffa la pipa alla finestra al piano terra la chanson inanellata di paillettes sormonta la mignotta di ruggine

allo stato brado la persiana sbattuta dal vento del nord intaglia i solchi del pulviscolo tuffi del cane il capo mastro ad anelli concentrici alla riva rovista diamanti off shore pronti all'arrembaggio nella clessidra del trapezio oscilla nel tendone il demone reificato ha in programma l'ammutinamento nel

dibattito sul ponte di soffietti la fisarmonica respira nello stomaco dello starniero accompagnata dal gergo rinnova il that's all folk infila le mutande di pizzo erotica in carne rossa profuma nel delirio con un mazzo di carte in mano la lingua attorcigliata all'osso di fiume scheletrico culti primitivi a go-go il

benessere del panorama da filosofia sociale giunge la morte in grunge music le donne non compresero la diatriba carne sante e puttane piacere questo universo attrae religiosamente in anticipo la gratitudine della femminilità un ciclamino corrusco che sale la navata d'ufficio naviga lo   

stertto di Corinto in balia delle acque fulgide il palco di zinco a quattro euro il chilogrammo poggio la bottiglia di Teroldego Rotaliano sul diadema ti lappo le cosce sino all'odore di vita doglie in carne l'humus signori e signore luci rosse alla platea del bivio recito Kant all'aurora boreale tra i capelli il

virtuale strimpella sullo sgabello la litania nuda si trasfonde nell'afrore del dado è tratto la ferocia del secondo sonno mi spappola ogni organigramma di fedeltà il cartello dal negozio sghembo recita il vulnus gretto viva la foca che Dio la benedoca ti amo non ti amo nel sacco perdente  pane pesci presi

all'amo ti amo davvero ma ti canzono per non morire tra noi è uno scurrile divenire il ritrovarsi di sana pianta presso l'olmo il paesello il ponticello la contadinella di nome Maghella la dà via come pane e salame alla festa dell'unità l'impossibilità di comprendere il circolo vizioso della svalutazione 

arco del mantra seriale arato negli anni di grettezza solca la psicologia popolare dei polli da batteria sul muro di spalle i pozzi negletti gli stipiti senza testicoli le corna ricurve le vulve rinsecchite ogni pena di Dio che nessuno alato di rettitudine vi abbia in gloria al molo del porticciolo squalo d'angora

psichedelico chiude la portiera nella nuvolaglia firma autografi in filigrana frange scostate per entrare al bar del fiume mi lusinga il revolver alla cintura della castità gelatina in argento bromuro nella gestualità il nero quercus robur spiove la lenticchia in calze rosse sotto i rami polverosi.